Il Blog di Ariel

20
mag
20
mag

Dichiarazione di Fuel Mix al GSE per gli impianti fotovoltaici

Nell'ambito dell'energia sostenibile, l'energia solare è quella che ha maggiore diffusione. Gli impianti fotovoltaici sono, infatti, diventati una scelta comune sia per i privati che per le aziende.

Per garantire la trasparenza e la tracciabilità dell'origine dell'energia è richiesto l'invio di una dichiarazione di Fuel Mix al GSE (Gestore dei Servizi Energetici). Tale Dichiarazione è importante per consentire di valutare l'impatto ambientale delle fonti usate per produrre corrente elettrica.
Questo articolo fornirà una guida dettagliata su come predisporre correttamente tale dichiarazione, i requisiti necessari e le informazioni richieste.

Requisiti per la Dichiarazione Fuel Mix

Chi deve predisporre la Dichiarazione Fuel Mix?

La Dichiarazione di Fuel Mix deve essere compilata da tutti coloro che possiedono un impianto fotovoltaico in funzione. Questo vale sia per i privati che per le aziende. L'obiettivo principale è fornire informazioni accurate sul mix energetico utilizzato per la produzione di energia elettrica.

Come predisporre la Dichiarazione di Fuel Mix per il GSE?

La Dichiarazione di Fuel Mix per il GSE può essere compilata seguendo alcune linee guida specifiche. Di seguito sono elencati i passaggi principali per compilare correttamente questa dichiarazione:

  1. Raccogliere i dati: Per iniziare, è necessario raccogliere i dati relativi all'impianto fotovoltaico, come la potenza installata e i dati relativi all'energia prodotta nel corso di un determinato periodo (solitamente annuale).

  2. Calcolare il Fuel Mix: Utilizzando i dati raccolti, è necessario calcolare il Fuel Mix, ovvero la composizione percentuale delle diverse fonti energetiche utilizzate per produrre l'energia elettrica. Nel caso di un impianto fotovoltaico, l'energia solare sarà la fonte principale.

  3. Compilare la dichiarazione: Utilizzando i dati raccolti e i calcoli effettuati, compilare la dichiarazione di Fuel Mix seguendo il modello fornito dal GSE. Assicurarsi di inserire tutte le informazioni richieste in modo accurato.

  4. Verifica e invio: Prima di inviare la dichiarazione, è consigliabile verificare attentamente i dati inseriti per evitare errori. Una volta completata la verifica, la dichiarazione può essere inviata al GSE tramite i canali indicati.

Quali dati vanno inseriti nella Dichiarazione di Fuel Mix?

La Dichiarazione di Fuel Mix richiede diverse informazioni chiave relative all'impianto fotovoltaico e alla produzione di energia elettrica. Ecco una lista dei dati generalmente richiesti:

  • Potenza installata dell'impianto fotovoltaico (in kW).

  • Quantità totale di energia prodotta nel corso di un periodo specifico (solitamente espresso in kWh).

  • Composizione percentuale delle diverse fonti energetiche utilizzate per produrre l'energia elettrica, con un'attenzione particolare all'energia solare.

Quando deve essere comunicata la dichiarazione Fuel Mix?

La dichiarazione Fuel Mix deve essere comunicata annualmente entro il 31 maggio dell'anno successivo a quello di riferimento. Ad esempio, la dichiarazione relativa al 2022 deve essere resa disponibile entro il 31 maggio 2023.

È importante fornire dati accurati e aggiornati nella dichiarazione per garantire la corretta valutazione del mix energetico utilizzato. Ricorda sempre che l’adempimento degli obblighi normativi e la cooperazione con le autorità competenti sono fondamentali per promuovere la transizione verso un futuro energetico sostenibile.


Articoli Correlati

Acqua Buona Ariel, il depuratore d’acqua innovativo

Leggi l'articolo

Stufe a Pellet senza canna fumaria: la verità

Leggi l'articolo

Contattaci

Compila il seguente modulo e sarai ricontattato dal nostro staff senza obbligo di acquisto.

Scopri di più sui nostri prodotti Caldaie, Climatizzatori, Stufe a Pellet, Impianto Fotovoltaico e Depuratori.