Obiettivi Europei per i consumi energetici

Obbiettivi-20percento-ariel2

Gli obiettivi, il piano d'azione europeo

Ariel Energia si adegua e risponde al Piano Energetico Europeo che prevede, entro l'anno 2020, di ridurre del 20% le emissioni di anidride carbonica, di aumentare del 20% le energie rinnovabili di cui disponiamo, di ridurre del 20% i costi legati ai consumi energetici.

Entro l'anno 2020 tutti i paesi dovranno adeguare le proprie normative ed i propri impianti in modo da raggiungere i livelli di consumo energetico e di inquinamento fissati dall'Unione Europea. Dal 1° Gennaio 2015 l'Europa impone l'eliminazione completa del vecchio refrigerante R-22, ciò significa che tutti gli impianti installati che utilizzano tale refrigerante non potranno più essere mantenuti. I vantaggi che si ottengono sostituendo il vecchio climatizzatore a gas refrigerante R-22 sono notevoli: si dimezzano i costi di esercizio, ottenendo un risparmio annuale pari al 50% sui consumi di energia e si riduce la rumorosità dell'impianto in dBA.

Tutte le caldaie e i climatizzatori Ariel Energia rispondono ai requisiti indicati e consentono di ridurre notevolmente i consumi legati all'energia elettrica con conseguente diminuzione dei costi in bolletta.
Inoltre, le nostre caldaie a condensazione sono in linea anche con la normativa americana definita dall'ASME, American Society of Mechanical Engineers, che decreta gli standard in materia più ampiamente riconosciuti a livello mondiale oltre l'Europa, in oltre 100 nazioni.
 

Caldaie e Climatizzatori Ariel Energia,
in linea con l'Europa verso il futuro!

 

Come cambia la normativa per le caldaie in Italia

Da settembre 2015 è scattato l’obbligo per i produttori di caldaie di produrre esclusivamente apparecchi a CONDENSAZIONE, in grado di ridurre notevolmente i consumi energetici.  A partire da questa data chi vorrà installare una caldaia a casa propria dovrà installare solo modelli a condensazione. Si potranno produrre solo caldaie tradizionali, non a condensazione, ma “a camera aperta”. Questo tipo particolare di caldaia potrà essere installata solo nei casi in cui non sia possibile utilizzare una caldaia a condensazione a causa della particolare conformazione della canna fumaria collettiva di alcuni edifici multifamiliari.  La tendenza Europea sarà sempre più rivolta al miglioramento del rendimento energetico, favorendo lo sviluppo, la valorizzazione e l’integrazione delle fonti rinnovabili e la diversificazione energetica, dando la preferenza alle tecnologie a minore impatto ambientale.

 

arielcaldaie.it